La Dop Economy: il valore dei prodotti locali.

bicchieri di vino e taglieri di formaggio, con vigna alle spalle

Ultimamente si sente spesso parlare di prodotti Dop, Doc, Igp e simili, ma dietro a queste sigle c’è molto altro. Queste certificazioni di qualità aiutano a tutelare i nostri produttori e a dare valore ai loro prodotti.

Cos’è la Dop Economy?

Per Dop-Economy si intende il segmento della produzione e trasformazione di prodotti agroalimentari con indicazione geografica certificata, ed è una parte molto importante del valore agroalimentare nazionale.

I dati lo confermano: nel 2020 ha raggiunto un valore di produzione di 16,6 miliardi di euro, pari al 19% del fatturato totale dell’agroalimentare italiano e un export da 9,5 miliardi di euro, pari al 20% delle esportazioni nazionali di settore (XIX Rapporto Ismea- Qualivita sul settore italiano dei prodotti Dop Igp).
Questo circolo di capitale è stato fondamentale per la sostenibilità del Paese durante la fase di crisi di questi anni. Si tratta di un settore che, non fermandosi mai anche durante la pandemia grazie allo sforzo di 200 mila operatori e 286 consorzi di tutela dei comparti alimentari ed enologici, ha sostenuto migliaia di famiglie.
Ovviamente tutto il sistema ha spalleggiato questo settore, con azioni di solidarietà per gli operatori, comunicazione con i soggetti di mercato e istituzioni che, grazie ad una serie di accordi e apposite misure hanno permesso la continuità della filiera e la sopravvivenza di migliaia di aziende, riconoscendo il loro valore strategico.

Grazie al fatto che le certificazioni Dop Igp rendono un prodotto non delocalizzabile, queste filiere sono in grado di esprimere il patrimonio economico dei territori italiani in maniera concreta.

Valore settore agroalimentare Dop Igp

Sempre analizzando il XIX Rapporto Ismea- Qualivita sul settore italiano dei prodotti Dop Igp, il valore alla produzione dell’agroalimentare italiano Dop Igp raggiunge i 7,3 miliardi di euro nel 2020, per un -3,8% su base annua e con un trend del +29% dal 2010.Il valore al consumo rimane stabile a 15,2 miliardi di euro per un andamento del +34% sul 2010.
In questa filiera sono coinvolti 86mila operatori, 165 Consorzi autorizzati e 46 organismi di controllo.
Sempre parlando di quell’anno l’export cresce ancora: +1,6% su base annua con un dato che dal 2010 è più che raddoppiato (+104%) raggiungendo i 3,9 miliardi di euro.

Dalle statistiche i maggiori importatori di agroalimentare italiano sono:

  • Germania: 770 mln €,
  • Usa: 647 mln €,
  • Francia: 520 mln €,
  • Regno Unito: 268 mln €.

Valore settore vitivinicolo Dop Igp

Parlando del settore vitivinicolo, invece, il valore della produzione sfusa ammonta a 3,2 miliardi di euro, mentre all’imbottigliato è pari a 9,3 miliardi di euro (-0,6%) con le Dop che ricoprono l’81% del peso economico, coinvolgendo oltre 113 mila operatori, 121 Consorzi autorizzati e 12 organismi di controllo.
L’export arriva a 5,6 miliardi di euro, con un -1,3% nel 2020 ma un trend del +71% rispetto al 2010; risentono degli effetti della pandemia per i mercati extra europei (-4,3%), mentre cresce l’export all’interno dell’unione europea (+4,1%) con un aumento notevole per i Paesi del Nord Europa e Scandinavi.

I maggiori importatori di vino italiano sono:

  • Germania: 5,7 mln hl,
  • Usa: 3,4 mln hl,
  • Regno Unito: 2,7 mln hl,
  • Canada: 783 mila hl.

I prodotti a indicazione geografica certificata sono molto importanti, non solo per il loro valore economico, ma anche per quello culturale.
Infatti questi prodotti tipici conservano le tradizioni dei nostri territori, custodendo tecniche e processi che rischiano di scomparire, sostituiti da metodi più standardizzati o economicamente più vantaggiosi.
Per questo Slow Food si impegna da anni per la conservazione di queste antiche conoscenze, con la costituzione di presidi di tutela dei prodotti, o con altre iniziative per la valorizzazione e l’informazione.

Se sei interessato alle iniziative di Slow Food tesserati, oppure scopri altre informazioni sui presidi Slow Food di Bergamo.

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Leggi le altre notizie

quattro bottiglie di vino Pecis
Mercato della Terra
Bergamo

Conosci il produttore: Pecis

Pecis è un’azienda vitivinicola che si trova a San Paolo d’Argon, ad una decina di chilometri da Bergamo. Carlo Pecis l’ha creata nel 1982, ed è poi passata al figlio Angelo che attualmente la conduce affiancato dalla moglie Marialaura e dai suoi due figli Massimo e Lorenzo. A gestirla è tutta la famiglia, che possiede

Leggi Tutto »
bancarella dell'azienda agricola pollo ruspante
Mercato della Terra
Bergamo

Conosci il produttore: Pollo Ruspante.

Slow Food è anche allevamento giusto che permette agli animali di vivere nelle condizioni più naturali possibile, unendo le tecniche tradizionali a pensieri innovativi ed ecologici. Pollo ruspante, “quello vero senza bugie”. L’azienda agricola Cordioli Maurizio, conosciuta meglio come “Pollo Ruspante” è pinnacolo di questa filosofia, situata in Via Giacomona, Bosco di Sona (Verona), questa

Leggi Tutto »
bancarella della cooperativa biplano al mercato della terra di bergamo
Mercato della Terra
Bergamo

Conosci il produttore: Cooperativa Biplano

Poche sono le realtà che esprimono i valori di virtuosità di Slow Food come le aziende che si occupano di agricoltura sostenibile e sociale. La Cooperativa Biplano Realtà che incarna appieno questi princìpi, poiché oltre che occuparsi di agricoltura biologica certificata, la sua mission principale è aiutare le persone con difficoltà di vario tipo, tramite

Leggi Tutto »